E adesso?

Conclusa la fase di “andata” è tempo di pensare alla seconda parte. Roma e Trieste continuano a esercitare il loro fascino come dei giganteschi magneti. Io e la Negra ne siamo completamente soggiogati. Dal 22 giugno al 10 luglio la Vespa si trasformerà in un banco di scuola, Roma quindi… Continue reading

Fine prima parte.

Quando i Balcani ti rapiscono, non ti lasciano più. Dopo aver superato Slavonski Brod e le pianure disegnate a tempera della Slavonia punto deciso a Karlovac ed è lì che tutto va storto. Una pesante perturbazione che pensavo di aver seminato con la partenza di buon mattino, inizia a seguirmi… Continue reading

Београд

Belgrado accoglie il viaggiatore che arriva da sud con l’intreccio dei binari a scartamento ridotto dei tram. Scatole di latta gialle e rosse che ondeggiano sulle rotaie sfiammeggiando dai pantografi. Superata la stazione centrale dei treni, una sopraelevata introduce alle prime vie del centro cittadino, è lì che parcheggio la… Continue reading

“ Добродошао “ (benvenuto)

Serbia. Il confine tra la Bosnia Herzegovina e la Serbia è custodito nel letto della Drina. Un fiume idealmente diviso a metà dove, stando a quello che dicono gli anziani di Mali Zvornik, persino i pesci nuotano ordinatamente secondo la scelta politica o l’appartenenza etnica. “La Negra” conquista gli sguardi… Continue reading

Partire per tornare e poi ripartire.

Saltellando di sasso in sasso nel torrente del web, incastrato tra le parole “partire” e “tornare” scopro il pensiero di Azar Rudif che spiega meglio di tanti altri la magia del viaggio e dei suoi rituali. La “Negra” è pronta con il suo “adagissimo” scorrere. Mi accompagnerà in terra serba… Continue reading