Pronti…

La Negra è pronta.
Chiudo la serranda, un paio di giri di chiave e mi allontano a passi lenti nell’oscurità dei garages.
Sono andato a salutarla.
Le giornate che precedono la partenza, arricchiscono il viaggio, giorni di sogni ad occhi aperti, calcoli chilometrici e congetture stradali.
Sorrido mentre penso al giorno in cui ho venduto l’auto.
– ” E adesso con cosa ti muoverai ? ” Mi chiesero
– ” Con la Vespa!”
– ” Tu sei pazzo! E se piove? E se fa freddo o nevica? ”
– ” Metterò un maglione in più!!” fu la mia risposta, tagliando corto.
Andai a prenderla pochi giorni dopo, era stata dipinta in fretta e furia con una bomboletta spray. Nera. Le ammaccature nascoste raccontavano scorribande di strada. Mi piacque subito.

Finalmente si guida senza guanti

Finalmente si guida senza guanti

Diventò il mio unico mezzo motorizzato.
Si narra che la Vespa abbia un pezzo d’aereo al posto del motore, si dice che il suo creatore, paradossalmente, odiasse le auto e le moto; a Corradino d’Ascanio piaceva stare per aria, lo diceva sempre anche quando era un ragazzetto e sognava di progettare elicotteri ed aerei. Ha contributo con la sua idea a rialzare l’intera nazione da un dopoguerra devastato da vergogna, indecisione e bombe. Mi chiedo cosa direbbe ora dell’Italia che ha lasciato più di 30 anni fa…

Lascia un commento :o)

Commenti

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento