Keep calm and fevele furlan

image
Rientro in Friuli. Il Carso si allontana in punta di piedi nascondendosi nel suo mantello di mare. Le colline prendono il posto della roccia grigia, i campi sono giochi geometrici ai lati delle strade. La Negra si fa strada nel silenzio del mattino, percorre chilometri che conosce a memoria.
Entro in un bar per una colazione, la proprietaria esce dalla cucina con tre piatti di Gubana appena fatta. Armando, l’unico cliente oltre me, alza il suo bicchiere di rosso ( sono le 8 del mattino) guardando il soffitto.
“Benvignùt in Friùl frut”
Un secondo dopo nel bicchiere non rimane che un lieve bordo rossastro sul fondo.

Lascia un commento :o)

Commenti

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento