E quando meno te l’aspetti…

Lascio a malincuore il Gran Paradiso e punto dritto ai “grandi” laghi italiani. Ripercorro con piacere i loro perimetri. Arrivato a Sondrio devio verso il passo dello Stelvio, meta lunare per moltissimi cicloturisti e motociclisti. Poco prima di iniziare la salita mi concedo una pausa, parcheggio la “Negra” all’ombra di un grande albero e mi accendo la pipa. Alexane, una curiosa bambina dai capelli biondi è in gita con i propri genitori, felice di vedere una motoretta, si avvicina alla Vespa per salirci, afferra con decisione la manopola sinistra, e tutto accade in pochi secondi. Il soffice terreno inghiotte il cavalletto, bagagli e attrezzatura cadono insieme alla “Negra”, che con un lamento di lamiere finisce pancia all’aria.
Diagnosi: Rottura della leva del freno anteriore, danneggiamento della pancia destra e diversi mal di testa per fare ripartire il motore. Ridicolo per una caduta da fermo.
Senza freno, mi rimetto in marcia.
Perfetto! Specialmente in vista della scalata ( e relativa discesa ) dei 2758 metri che mi attendono.

Leva_px

Lascia un commento :o)

Commenti

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Un commento

  1. Pingback:Il Cabranka e il Kolpa | Scatto in Vespa

Lascia un commento