Allegre storie di frontiera #1

Senza titolo-1
La strada 52 che punta verso est costeggia il Plitvička Jezera, meglio conosciuto come “Parco naturale dei laghi di Plitvice”. L’asfalto lambisce i confini del bosco. Verde, umido e uccellini chiacchieroni sono i soli protagonisti per chilomentri. Mi congiungo con la 504 in direzione Bihać, al confine croato la Negra non sortisce alcun effetto sulle guardie, se non qualche sguardo di commiserazione. I ragazzi dentro il gabbiotto bosniaco invece sono entusiasti, uno dei due con un gesto da lanciatore di baseball timbra con energia il passaporto e uscendo mi chiede di fare una fotografia tutti insieme. Ci mettiamo in posa sotto gli sguardi dei colleghi croati quando all’improvviso un energumeno alto 2 metri esce dall'”uffizio” di fronte, urlando e bestemmiando contro i due ragazzi. Non mi degna di uno sguardo ma capisco che non accetta troppa euforia durante il servizio. Uno scherzetto che mi costa un ritardo di due ore e una perquisizione completa – fortunatamente solo per i bagagli e la Vespa –
03_Otocac_bihac

Lascia un commento :o)

Commenti

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento